Vai al contenuto

MILLE MIGLIA – IL DOPOGUERRA – III

Ore 14 del 21 Giugno 1947 : in 16 ore 16 minuti e 39 secondi la vittoria di Clemente Biondetti in coppia con Emilio Romano, su una 8c2900B del 1938 privata dei compressori e carrozzata berlinetta dalla Touring, vince contro la Cisitalia 1100 di uno scatenato Nuvolari. Ma il record assoluto se lo aggiudicò il famoso pilota inglese Stirling Moss che nel 1955 percorse i 1600 km in 10 ore e 8 minuti, al volante di una Mercedes-Benz 300 SLR numero 722.

09-8c-2900b-touring-spider_1
ALFA ROMEO 8C 2900B TOURING

La Mille Miglia riparte!

Un dopoguerra dove prevale il clima di ricostruzione, dove benzina e pneumatici erano razionati, ma momento in cui l’industria automobilistica tenta di riprendersi.

E proprio in quegli anni si inizia a pianificare la futura ALfa Romeo.

Satta saprà gestire la progettazione, la definizione del prodotto e quindi l’identità del marchio Alfa Romeo. Pietra miliare nella trasformazione in industria dell’ALfa è la 1900: scocca portante, propulsore quattro cilindri bialbero e per la prima volta una vettura viene assemblata in catena di montaggio.

Furono gli anni della consacrazione a tutti i livelli della Mille Miglia che, come riprese anche Enzo Ferrari, fu definita “la corsa più bella del mondo”.

14 hours of June 21, 1947: in 16 hours 16 minutes and 39 seconds there is the victory of Clemente Biondetti paired with Emilio Romano, on a 8c2900B 1938, without compressors and berlinetta bodied by Touring, wins against one Cisitalia 1100 unleashed Nuvolari. But the record if he won the famous British racing driver Stirling Moss, who in 1955 crossed the 1600 km in 10 hours and 8 minutes, at the wheel of a Mercedes-Benz 300 SLR number 722.

The Mille Miglia again!

A war where the prevailing climate of reconstruction, where gasoline and tires were rationed, but time here automoblistica the industry tries to recover.

And in those years you begin to plan for future Alfa Romeo.

Satta will manage the design, the product definition and therefore the identity of the Alfa Romeo brand. Milestone in the transformation of alpha in industry is the 1900: bearing body, four-cylinder DOHC engine and for the first time a car is created in the assembly line.

These were the years of the consecration at all levels of the Mille Miglia, as shots even Enzo Ferrari, was called “the most beautiful race in the world”.

Testi: Silvia Zhulema Mariani

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: