Vai al contenuto

Statuto

Alfa Brera Privilege Owners Club Statuten
Versione originale per il download (German)

 

Traduzione italiana

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE
“ALFA BRERA PRIVILEGE OWNERS CLUB”

I. NOME E SEDE

Art. 1 Sotto il nome di “ALFA BRERA PRIVILEGE OWNERS CLUB” è registrata come persona giuridica un’associazione ai sensi dell’Art 60 ff. ZGB. L’associazione è costituita per un tempo illimitato.

Art. 2 L’associazione ha la sua sede in Hardlenstrasse 50, 8302 Kloten.

II. SCOPO ED OGGETTO

Art. 3 L‘associazione “ALFA BRERA PRIVILEGE OWNERS CLUB” si pone come principale obiettivo la promozione del marchio „Alfa Romeo“ e quello di riunire assieme tutti i proprietari di autovetture col marchio „Alfa Romeo“, in particolare i proprietari dei modelli Alfa Romeo della serie Brera e Spider 939. Tutti i soci membri dell’associazione potranno, versando solo un piccolo contributo associativo, partecipare alle più importanti manifestazioni ed eventi sportivi. L’associazione può anche vendere dei prodotti e pubblicizzare i suoi eventi in programma qualora entrambe le cose rientrino tra quelli che sono gli obiettivi principali che l’associazione si prefigge di raggiungere. La concessione di benefici monetari da parte dell’associazione a beneficio dei suoi soci membri non è prevista. L’associazione è non-profit. I guadagni derivanti dalle vendite e dalle manifestazioni devono essere utilizzati principalmente per il raggiungimento dell’obiettivo prefissato.

III. MEMBERSHIP

Art. 4 I membri dell’associazione “ALFA BRERA PRIVILEGE OWNERS CLUB” possono essere delle persone fisiche o giuridiche che riconoscono l’obiettivo e lo scopo dell’associazione e sono pronti a sostenerlo. L’associazione si compone di membri attivi e di membri passivi. Le domande di ammissione devono essere indirizzate direttamente al presidente. Il Consiglio di amministrazione decide sull’ammissione come socio membro di chi ne fa richiesta.


Art. 5
Ogni socio membro deve versare un contributo annuale di 35 Euro. I membri attivi devono versare inoltre, come previsto da regolamento, una “tassa d’uso” cosi come stabilito da delibera del Consiglio di amministrazione.

Art. 6 Il diritto alla partecipazione come socio si estingue con:
a) Il recesso
b) L’espulsione
c) Il decesso

Il recesso deve essere comunicato in forma scritta. Esso avrà efficacia definitiva solo una volta trascorso il termine di preavviso di sei mesi. L’espulsione del socio può essere decisa dal Consiglio di amministrazione anche contro il parere dei soci a seguito di un suo comportamento disonorevole di cui si è reso responsabile o per aver danneggiato in qualche modo gli interessi dell’associazione. La decisione del Consiglio di amministrazione avviene di norma subito dopo aver consultato i soci membri, viene comunicata per iscritto e ha valore immediato. La possibilità di fare ricorso all’assemblea dei soci resta esclusa.

IV. ORGANI

Art. 7  Gli organi dell’associazione “ALFA BRERA PRIVILEGE OWNERS CLUB” sono:

a) L’assemblea dei soci
b) Il Consiglio di amministrazione

A. L’assemblea dei soci

Art. 8  Un’assemblea dei soci ordinaria si tiene ogni anno nei primi sei mesi. La convocazione dell’assemblea dei soci da parte del Consiglio di amministrazione avviene in forma scritta con un termine di preavviso di almeno 20 giorni e con l’indicazione dei punti all’ordine del giorno da discutere. Le richieste da sottoporre all’attenzione dell’assemblea dei soci devono essere indirizzate anticipatamente, e in forma scritta, al presidente dell’assemblea entro il termine di due settimane dalla data di convocazione dell’assemblea.


Art. 9
Un’assemblea dei soci straordinaria può essere convocata su decisione del Consiglio di amministrazione o su richiesta di almeno un quinto dei soci. L’invito deve essere fatto pervenire 10 giorni prima la data di svolgimento dell’assemblea dei soci.

Art. 10 I compiti e le competenze dell’assemblea dei soci sono i seguenti:

Gli organi dell’associazione “ALFA BRERA PRIVILEGE OWNERS CLUB” sono:

  1. Approvazione della relazione annuale, del bilancio annuale così come della procedura di revisione dei conti e della funzione di audit
  2. Esonero di responsabilità della società di revisione e del Consiglio di amministrazione
  3. Determinazione del bilancio annuale
  4. Scelta del presidente, dei restanti membri del Consiglio di amministrazione e della società di revisione contabile
  5. Gestione delle istanze del Consiglio di amministrazione e dei suoi membri, gestione dei ricorsi
  6. Modifiche allo statuto
  7. Scioglimento dell’associazione.

Art. 11 Le decisioni dell’assemblea dei soci vengono prese con voto palese a maggioranza semplice. La votazione a scrutinio segreto può avere luogo solo se espressamente richiesta dalla maggioranza dei membri presenti. In caso di parità di voti il voto del presidente non ha prevalenza. Tutti i membri presenti hanno in egual misura diritto al voto. La possibilità di delega è consentita solo se affidata ad un altro socio. Nelle delibere di manleva, riguardanti un negozio giuridico o un contenzioso tra il soggetto e l’associazione, il socio interessato perde il suo diritto di voto. I membri passivi non hanno diritto di voto.

B. Consiglio di amministrazione

Art. 12 Il Consiglio di amministrazione è composto da almeno due membri, riceve dall’assemblea dei soci un mandato di due anni e si auto costituisce. Il Consiglio di amministrazione ha potere di delibera solo nel caso in cui siano presenti almeno due membri. Viene convocato su richiesta del presidente o su richiesta di un membro del Consiglio di amministrazione. Anche in caso di parità di voti il voto del presidente varrà sempre come voto singolo. Qualora un membro del Consiglio di amministrazione si ritiri durante il periodo del suo mandato il Consiglio di amministrazione può deliberare. Tali delibere dovranno essere presentate alla prossima assemblea dei soci per ottenere la conferma.


Art 13
Il Consiglio di amministrazione si compone di:

a) Presidente
b) Tesoriere

Art. 14 Il Consiglio di amministrazione ha in linea generale piena autorità fatta eccezione per le questioni per le quali è stato espressamente conferito potere all’assemblea dei soci. Queste questioni riguardano in particolare:

a) La preparazione e lo svolgimento dell’assemblea dei soci ordinaria e straordinaria
b) La redazione di uno statuto, l’elaborazione del regolamento e la verifica delle istanze
c) L’ammissione e l’espulsione di un socio membro.

Art. 15 Il Consiglio di amministrazione rappresenta l’associazione esternamente. Ha potere di firma congiuntamente col presidente.

C. Società di revisione contabile

Art. 16 Qualora il valore dei seguenti due criteri venga oltrepassato per due anni consecutivi di esercizio finanziario l’associazione dovrà allora far verificare i propri conti correttamente da una società di revisione contabile scelta dall’assemblea dei soci:

1. Un totale di bilancio di 10 milioni di franchi svizzeri;
2. Un ricavo di 20 milioni di franchi; una media annua di 3.50 dipendenti a tempo pieno. Qualora i qui sopra elencati criteri non vengano soddisfatti dovrà essere allora nominata una società di revisione contabile che dovrà limitarsi ad esaminare i conti, questo nel caso in cui ciò venga richiesto da un socio membro dell’associazione, sui cui ricade la responsabilità personale o l’obbligo di apporto di capitale. Nel caso in cui i criteri citati qui sopra non vengano soddisfatti e nel caso in cui tutti i soci membri dell’associazione

siano d’accordo si potrà allora rinunciare ad affidare l’incarico a una società di revisione contabile.

Art. 17 Come organo di revisione contabile possono essere scelte una o più persone fisiche o giuridiche o una società di persone. L’organo di revisione dovrà essere, ai sensi dell’Art. 69b Abs. 3 ZGB i.V.m. 728 729 OR, un organo indipendente. L’organo di revisione dovrà avere il suo domicilio e la sua sede, o quella di una sua società affiliata regolarmente registrata, all’interno del territorio della Confederazione Svizzera. Qualora l’associazione disponga di più di un organo di revisione almeno una di queste condizioni dovrà allora essere soddisfatta. Nel caso in cui l’associazione sia tenuta per legge ad effettuare la revisione contabile l’assemblea dei soci dovrà allora, in questo caso, scegliere un soggetto esperto in revisione contabile certificato ovvero una società di revisione contabile sottoposta a vigilanza pubblica secondo quanto stabilito dalla Revisionsaufsichtsgesetzes RAG (Legge federale sull’abilitazione e la sorveglianza dei revisori) del 16 dicembre 2005. Qualora l’associazione sia tenuta ad effettuare la revisione contabile limitata l’assemblea dei soci potrà allora, in questo caso, scegliere un soggetto revisore regolarmente autorizzato sempre secondo le norme previste dalla Revisionsaufsichtsgesetzes RAG (Legge federale sull’abilitazione e la sorveglianza dei revisori) del 16 dicembre 2005. L’organo revisore verrà scelto ed incaricato per un periodo equivalente ad un anno finanziario. La sua carica termina con l’approvazione dell’ultimo bilancio dell’anno finanziario. Una revoca sarà sempre possibile senza necessità di preavviso.

Art. 18 L’anno finanziario coincide con l’anno solare. Al 31 dicembre verrà chiuso il bilancio di esercizio annuale e verrà compilato un inventario.

V. IL PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE

Art. 19 Il patrimonio dell’associazione è costituito dai contributi dei soci membri, dalle eccedenze di bilancio, dalle possibili donazioni ricevute, dai contributi per le manifestazioni e dagli eventuali lasciti ricevuti.

Art. 20 Dei debiti dell’associazione ne risponde esclusivamente il solo patrimonio della società. È esclusa una qualsiasi forma di responsabilità personale del socio per i debiti contratti dall’associazione. I soci membri, la cui adesione come socio potrebbe eventualmente essere revocata in caso di scioglimento della società, non possono avanzare alcun diritto sul patrimonio dell’associazione.

VI. MODIFICA DELLO STATUTO E SCIOGLIMENTO

Art. 21 Per la modifica dello statuto è necessaria la presenza di almeno i tre quarti di tutti i soci membri. Per accogliere una simile richiesta è necessario disporre di una maggioranza dei tre quarti. Una volta raggiunto il numero necessario degli aventi diritto al voto non ha più valore il rapporto voto-numero di votanti, entro sei settimane dovrà quindi essere convocata una seconda assemblea dei soci con i medesimi argomenti all’ordine del giorno. Tale assemblea può deliberare validamente senza tenere conto del numero di soci membri presenti.

Art. 22 In caso di scioglimento dell’associazione sarà l’assemblea dei soci a decidere sulla ripartizione del ricavato.

Questo statuto è stato approvato dall’assemblea riunitasi Zurigo ed é entrato in vigore in odierna.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: